Donne coraggiose

Lo sapevi che il primo software della storia l’ha inventato una donna ben 200 anni fa? 

Questa e altre storie sono contenute nel libro DONNE CORAGGIOSE, che ho scritto per aiutarti a trarre la massima ispirazione. 

Ciao, mi chiamo Ivana Balesova e sono un’instancabile ricercatrice delle strategie di miglioramento personale. Sono convinta che noi tutte abbiamo il diritto, ma anche il dovere, di difendere i nostri sogni, impegnandoci per loro fino a realizzarli e diventare così persone pienamente soddisfatte del nostro operato. 

Ecco perché ho deciso di scrivere questo libro, per celebrare chi, vivendo i sogni sulla propria pelle, ha donato al mondo un esempio di valore, un’ispirazione per il futuro di chi non smette di provarci.             

Il libro DONNE CORAGGIOSE
è una raccolta di storie di vita al femminile.

Questo libro vuole essere un collage di volti, pensieri, emozioni, parole ed esperienze che, una storia alla volta, ti guideranno in un percorso chiaro verso la tua meta. 

Sono 21 le donne che racconto, da diversi angoli del mondo, con le loro idee in grado di ribaltare gli stereotipi e sovvertire le regole della società, capaci di determinare il progresso per l’umanità intera.  

Sono nata e cresciuta sotto le rigide regole del regime comunista cecoslovacco dove il progresso era attribuito al Sistema e non all’ambizione del singolo individuo, uomo o donna che fosse. 

Semplicemente auspicare l’ambizione di una persona non era contemplato. Potevi diventare brava ma non bravissima. 

Tutto questo apparentemente era ben accettato dalle persone.  Ma come si dice: Nulla è come appare.  Una volta aperte le frontiere, dopo la rivoluzione di velluto (era il novembre del 1989, all’epoca avevo 20 anni e mi ero appena affacciata al mondo), mi ha travolto l’enorme desiderio di cercare le risposte ai dubbi più nascosti, a quelle convinzioni che il sistema mi aveva inculcato e che il mio inconscio si rifiutava di accettare e fare sue. Ero assetata di quelle risposte che, durante quegli anni, non trovavo. 

Rivoluzione di velluto Cecoslovacchia
Rivoluzione di velluto – Cecoslovacchia

L’argomento che mi affascina di più, tuttora, è racchiuso in questa domanda: Chi determina il progresso dell’umanità?  Il Sistema o l’iniziativa personale? Ora che quel sistema non c’è più… il progresso si ferma? Cosa succederà?

Da questo punto muove la mia ricerca e mi appassiono a cercare, nella storia, le biografie delle persone che hanno fatto la differenza per il mondo, con le loro scoperte, le loro idee rivoluzionarie, in grado di aiutare a migliorare la vita delle future generazioni. 

Insomma, non un sistema, ma le singole persone disposte a inseguire i loro sogni, fino a realizzare le idee più bizzarre. Anche a costo di essere ridicolizzate o addirittura emarginate, pur di rappresentare una crescita per se stesse e per gli altri. 

Ed è proprio così che ho potuto constatare che la maggior parte di queste persone, sminuite nonostante le loro scoperte, erano donne. 

Donne lungimiranti, capaci di vedere porte dove prima c’erano soltanto muri. 

Anticonformiste, innovative, capaci di ribaltare gli stereotipi e sovvertire le regole della società ma, spesso, volutamente dimenticate. 

Julia Child

Tanto per citarne alcune, malgrado in quell’epoca non ci fosse permesso di ricoprire i ruoli chiave nelle cucine professionali, Julia Child diventa la madre dello show cooking televisivo, permettendo la nascita di quei programmi culinari che oggi vanno tanto di moda, insegnando agli americani i segreti della deliziosa cucina francese. 

Così come la geniale intuizione che permette la nascita del primo software della storia, il quale viene progettato e realizzato dalla matematica Ada Lovelace (figlia del celebre Lord Byron) 200 anni fa. Ada apre così la strada verso ciò che oggi conosciamo come Intelligenza Artificiale.

Ada Lovelace

Il merito delle scoperte delle donne viene spesso attribuito ai loro colleghi uomini. Questo è il caso di Alice Guy Blachè la vera madre dell’industria cinematografica. Quando i fratelli Lumiere presentano la loro grandiosa scoperta, dando vita e movimento alle ferme immagini, passo da gigante nel mondo della fotografia di quegli anni, Alice, per prima, ha la capacità di guardare oltre e,  riesce a realizzare ciò che gli altri non riescono nemmeno a immaginare. Ma la sua viene considerata un’idea infantile, di quelle che solo una giovane ventenne poteva avere. 

Alice Guy Blanché

La storia ci insegna che le donne, pur ottenendo grandi risultati in vari campi, non sempre ottengono il riconoscimento che meritano. Anzi, vengono ostacolate dagli uomini, considerati dei fuoriclasse solo in virtù del loro sesso. 

La donna è una grande risorsa per il mondo intero, una risorsa spesso scomoda.

Ho scritto questo libro, nell’intento di risvegliare la fiamma dell’ispirazione in tutte quelle donne che desiderano evolvere, che non si accontentano e cercano il cambiamento. 

A partire da loro stesse. 

Spesso, un cambiamento importante nella vita di una donna non viene compreso dalle persone e lei vicine e so per mia personale esperienza quanto sia difficile restare concentrate malgrado le voci disfattiste che arrivano proprio dalle persone che ami. Questo può sembrare ingiusto ma le persone intorno a noi, inconsapevolmente, cercano stabilità attraverso comportamenti facilmente riconoscibili, a cui sono abituati, così che possano sentirsi tranquilli. Nel momento in cui questo schema viene a mancare, si sentiranno destabilizzate e di conseguenza cercheranno di scoraggiarti nelle tue scelte. 

“Quando lei si trasformò in farfalla, i bruchi non parlarono della sua bellezza, ma delle sue stranezze. Loro volevano che lei tornasse ad essere quella che è sempre stata. Ma lei, ormai, aveva le ali.” (Dean Jackson)  

Ed è qui che entra in gioco ciò che ho riportato in ogni singola storia di queste grandi protagoniste. Mi auguro che il loro coraggio, la loro forza e le loro conquiste, che ho cercato di riportare alla luce attraverso questi racconti, possano stimolare la forza dentro di te, affinché tu possa raggiungere la tua ambita meta. 

Tutti noi abbiamo bisogno di trovare un esempio da seguire, dal quale attingere quell’energia ispiratrice, in grado di guidare i nostri passi nell’arduo percorso verso la nostra eccellenza. Cambiare non significa diventare qualcun altro o tradire il concetto di essere se stessi, ma partire proprio da esso. Cambiare se stessi per diventare qualcosa di più grande, mantenendo la propria essenza, fa parte del processo evolutivo che ti porta inevitabilmente a un livello di eccellenza. Quel livello che ti permetterà di esplorare luoghi mai visti, esperienze mai vissute e raggiungere i risultati che prima consideravi irraggiungibili.  

Nessuna delle 21 protagoniste è riuscita a raggiungere gli obiettivi e determinare il cambiamento scavalcando questi concetti. 

Kathrine Switzer
Kathrine Switzer

Prova a pensare, solo per un momento, che mondo sarebbe senza poter indossare un paio di pantaloni o un costume da bagno. Senza la possibilità di partecipare alle gare sportive (come la maratona che, all’epoca di Kathrine Switzer, era riservata agli uomini) oppure quella di svolgere la professione, tanto sognata da molte donne ambiziose, di pilota d’aereo di linea (come nel caso di Fiorenza de Bernardi). E potrei continuare con tanti esempi… 

Il mondo in passato è stato ingiusto con le donne e solo le più coraggiose sono state in grado di realizzare le loro idee visionarie.

Il mio desiderio più grande è che queste Donne Coraggiose, che hanno spianato la strada a tutte noi, continuino, attraverso le pagine del mio libro, a ispirare migliaia di altre donne a diventare il cambiamento che vogliono vedere nel mondo, per loro stesse e per le future generazioni. 

Ivana è sulla pagina Instagram @donne_coraggiose

Ivana Balesova
Ivana Balesova

Mi chiamo Ivana Balesova e nasco a maggio 1970, nel cuore dell’Europa, in quella che allora era la Repubblica Socialista Cecoslovacca. Slovacca di nascita, più tardi acquisisco anche la cittadinanza italiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close